I video del ping pong

In questa sezione vi proponiammo i migliori video di partite e di trucchi vincenti, per saperne di più sul ping pong. 
 

Partita a mini ping pong




Questo video mostra una partita di mini ping pong, ideale per coloro che sono dediti agli spostamenti, in quanto le sue dimensioni permettono di trasportarlo ovunque si voglia, anche in riva al mare ad esempio!
Nel mini ping pong il gioco è lo stesso, ma in versione ridotta. Il mini tavolo da ping pong è inoltre ideale per il gioco dei più piccoli, perché rappresenta un vero e proprio allenamento fisico.  
 

Finale Campionati Italiani Assoluti Maschili 2012




Il video mostra una finale maschile di ping pong per gli appassionati del tennis tavolo e per tutti coloro che desiderano sapere come si svolge una gara ufficiale di ping pong
In via generale, nelle gare ufficiali italiane di ping pong, vince chi per primo riesce ad aggiudicarsi tre set su cinque totali.
Vincere un set significa raggiungere 11 punti mentre l'avversario ne ha totalizzati meno di 10. Se viene raggiunta la parità di punti, vince il giocatore che riesce a conquistare per primo due punti in più dell'avversario. 
Il gioco inizia con il servizio effettuato dal giocatore che ha diritto al primo tiro (generalmente si sceglie tramite sorteggio), mentre il battitore deve preoccuparsi a rispondere al tiro, altrimenti consegnerà il punto all'avversario. I giocatori effettueranno due servizi a testa, alternandosi fino al termine della partita. 
La pallina viene considerata valida dal momento in cui lascia la mano del giocatore che esegue il servizio. Nel ping pong i punti vengono assegnati secondo il seguente schema: 
 
  • l'avversario effettua un servizio sbagliato
  • l'avversario sbaglia il rinvio della pallina

Il punto viene assegnato ad un giocatore anche nel caso in cui l'avversario commetta i seguenti falli:
 
  • la pallina rimbalza più di due volte nel campo
  • l'avversario la colpisce senza che la pallina abbia rimbalzato nella sua metà campo
  • l'avversario colpisce la pallina con qualcosa che non sia una racchetta o la mano con cui la tiene
  • l'avversario colpisce la pallina due volte di seguito

Oltre alle gare singolari, le competizioni di ping pong prevedono anche incontri di doppio, o le gare a squadre
 

La fisica del ping pong




Volete saperne di più sulle leggi fisiche che governano il gioco del ping pong? Questo video vi guiderà attraverso i principi fisici che regolano il ping pong e i suoi componenti: la pallina, la racchetta, i colpi e le mosse tecniche. 
La parola chiave della fisica applicata al ping pong è lo Spin. Si tratta della rotazione della pallina e di come si vengono a creare le traiettorie fisiche dopo aver impresso un determinato Spin alla pallina. 
Lo Spin può essere creato in due momenti del gioco, ovvero durante il servizio e durante lo scambio. La differenza principale tra i due diversi Spin sta nel fatto che durante il servizio, lo Spin è più controllabile dal giocatore perché è maggiore il controllo della pallina stessa. Nello scambio invece, la pallina può arrivare ogni volta in modi diversi e sarà quindi necessario improvvisare sul momento. 
Le tre condizioni essenziali per creare uno Spin sono:
 
  • rapidità di movimento
  • colpire la pallina facendola sfregare contro la superficie di gomma della racchetta
  • avere una superficie che faccia Grip sulla pallina (con una racchetta anti-grip non è possibile creare lo Spin)

Per effettuare uno Spin di qualità occorre colpire la pallina con scioltezza, in modo da imprimere meglio l'effetto desiderato. Colpire con i muscoli delle braccia irrigiditi, significa imprimere alla pallina uno Spin molto debole. 
Per creare il miglior Spin possibile è necessario dunque usare una racchetta che faccia molto attrito e bisogna inoltre prestare attenzione al modo in cui si colpisce la pallina: si deve partire con il braccio in movimento, per poi dare un colpo secco di polso al contatto con la pallina. Ricordatevi che la maggior parte della velocità viene data dal polso, quindi concentrate il vostro allenamento sull'articolazione del polso. 

[Indietro]